Treehouse

2012.
Insieme al collega Luca Pedrielli e con il supporto dei Five Core abbiamo deciso di partecipare al concorso internazionale “Treehouses in Paradise Competition” successivamente rivelatosi una truffa. Questo progetto ci ha però permesso di essere selezionati fra i 10 progetti finalisti del concorso nazionale “Young Italian Architects” dandoci la possibilità di esibire le nostre tavole in diverse mostre in giro per l’Italia fra cui la Fuori Biennale a Venezia e presso la Casa dell’Architettura a Roma.
Inoltre Archdaily, la piattaforma mondiale più seguita dagli architetti, ha pubblicato i progetti migliori che hanno partecipato al concorso per dare giustizia al lavoro che molti progettisti avevano fatto.
La treehouse è stata progettata per essere un appartamento di lusso di un resort in un’isola del Pacifico, è progettato per essere completamente autonomo e sostenibile, ancorato alla palma solo tramite anelli in acciaio il resto della struttura è in bambù e interamente removibile. L’acqua necessaria viene raccolta in una cisterna all’apice dell’edificio e viene distribuita a tutto l’appartamento nelle canne di bambù del vano scale. Le fitta maglia di bambù che avvolge l’intera struttura è progettata per essere più densa e schermante nella zona notte e più aperta nella zona giorno per permettere una visuale mozzafiato sul mare.
Il progetto è completamente parametrico ed è stato realizzato grazie all’utilizzo di Rhinoceros e Grasshopper.



Comments are closed.